Vette di Gusto – Seupa à la Vapelenentse light… ma anche no !

Food / News
SEUPPAVALPELINENTZE-vettedigusto-skypass-maredisiciliaedintorni

Dopo il tour che ha permesso di scoprire e selezionare 8 località top tra le località montane italiane, tra paesaggi mozzafiato e tradizioni culinarie sopraffine, dall’ 1 al 4 novembre Vette di Gusto approda a Modena Fiere.

Vette Di Gusto è il format di cucina che celebra l’enogastronomia ed il turismo d’alta quota, per reinterpretare le tradizioni di montagna affinché risultino realizzabili e fruibili per qualsiasi pubblico, compreso quello di città.

Ogni ricetta che ci è stata proposta dagli chef delle località montane durante il tour, verrà rielaborata durante i giorni di Skipass a Modena dalla food blogger Luisa Ambrosini di Tacchi e Pentole e parteciperà al Vette di Gusto Cooking Award, che potrete seguire attraverso le frequenze e le dirette social di Radio Number One.

 

Otto i blogger ed influencer coinvolti, ed abbinati ciascuno ad una località diversa:

 

Maria Teresa Calce – My Secret Room  (Val Senales)

Cristiana Banchetti – Rimmel a Colazione (Riale)

Valentina Tozza – La Cucina che Vale (Vittorio Veneto)

Monica Bergomi – La Luna sul Cucchiaio (Bormio)

Cristina Mauri – The Good Food Lab (Livigno)

Giovanna Hoang – La Petite Xuyen (Canazei)

Elena Formigoni – Cucinama (Gressoney)

 

Io sono stato abbinato alla magnifica Cervinia, ed ho avuto l’arduo, ma super stimolante compito di rielaborare la “Seupa à la Vapelenentse” , zuppa contadina a base di pane bianco raffermo e Fontina proposta dallo chef Damiano Cepa di Les Neiges D’Antan.

 

Ho cercato di ripensare la ricetta per renderla più light (neanche tanto) e più veloce da realizzare, per chi, come molti di noi, non ha tanto tempo da dedicare quotidianamente ai fornelli, ma non vuole rinunciare al gusto e all’idea originaria della ricetta classica.

 

Seupa à la Vapelenentse light… ma anche no !

Ingredienti
Per 4 persone
200gr di pane raffermo
400gr di bieta
400gr di fontina
200gr di salsiccia di maiale
60gr di tome stagionate e grattuggiate
3/4lt di brodo vegetale
Olio d”oliva q.b.
1 spicchio d’aglio

 

Come tutti i piatti poveri la Seupa à la Vapelenentse è amatissima dai palati di montagna e soggetta ai cambiamenti del caso.

Non credo che qualcuno potrebbe giurare sul fatto che si facesse in un modo e solo così. E’ una zuppa la cui esistenza risiede nel concetto, fondamentale in cucina, del recupero e dell’adattare il piatto alla realtà della dispensa.

Pane, cavolo e fontina.

In una pentola preparate il brodo di vegetale.

Saltate in padella la bieta con un filo d’olio, peperoncino e poco sale

Sgranate la salsiccia e saltatela in padella fino a quando si sarà fatta la crosticina (senza olio)

Tagliate a rondelle il pane raffermo, che deve essere di un tipo capace di assorbire facilmente il brodo. In genere va bene un pane leggero e già piuttosto secco anche da fresco e strofinate sulle fettine uno spicchio d’aglio.

Tagliate a cubetti la fontina.

Grattugiate le vostre tome stagionate.

Procedete quindi nella composizione a strati nella cocotte: uno strato di pane raffermo, uno strato di fontina, uno di  salsiccia, uno strato di biete cotte e sminuzzate, uno strato di tome grattugiate e per finire uno strato di pane.

Si incomincia e si finisce sempre con il pane.

Bagnate uniformemente e abbondantemente con il brodo di carne o vegetale.

Fate cuocere al forno in cocotte ad una temperatura di 200° fino a quando il pane non risulti ben gratinato e dorato in superficie.

Servire in tavola nella cocotte.

ti potrebbe piacere anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *