“GASTROSOFIA E IDENTITÀ MEDITERRANEE” – Cerealia 2018

News
comeunamareaonlus-cerealia2018-maredisiciliaedintorni

Il 16 ottobre, presso la Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Palermo, Aula Ballatore, in occasione della Giornata Mondiale dell’Alimentazione, si è realizzato l’ultimo appuntamento per il 2018 del programma siciliano di CEREALIA 2018 con il convegno “GASTROSOFIA E IDENTITÀ MEDITERRANEE”.

In quest’ultimo incontro ci si è posti l’obiettivo di indagare, in modo multidisciplinare, sulle conoscenze che costituiscono il sapere teorico e pratico del mondo dell’alimentazione, unendo scienza della nutrizione, arti culinarie e attività agricole e marinare, il tutto correlato alla sostenibilità ambientale.

 

Ha aperto l’incontro l’introduzione del giornalista Nino Aiello che ha ricordato i temi della giornata mondiale dell’alimentazione e poi, in qualità di moderatore, ha introdotto il prof. Stefano Colazza direttore del Dipartimento Scienze Agrarie e Forestali

Il direttore dopo i saluti agli intervenuti ed i ringraziamenti a ComeUnaMarea Onlus per aver scelto l’UNIPA come sede dell’incontro ha parlato del ruolo dell’università nell’indirizzo verso sane pratiche alimentari destinazione finale di una formazione all’uso consapevole delle risorse.

 

Anna Martano – Accademia Italiana di Gastronomia e Gastrosofia ha parlato di filosofia del gusto risalendo al testo di Anthelme Brillat-Savarin.

Entrando nello specifico del termine “Gastrosofia” ha ricordato la dimensione culturale che la filosofia attribuisce al cibo.

Durante l’intervento la dott.ssa Martano ha posto l’accento inoltre sulla capacità della “Gastrosofia” di creare una forte connessione fra degustazione sensoriale, emozioni ed elementi di convivialità.

 

Bonetta Dell’Oglio – Chef, nell’approfondire il tema del convegno ha collegato le identità dei territori alle coltivazioni dei grani, ponendo l’accento sul consumo del buon cibo che non può astenersi dal rispetto della stagionalità e dei percorsi brevi fra il luogo di produzione e la tavola.

 

Claudia Corbari – Psicologa, ha sottolineato invece Il ruolo fondamentale che ha il cibo nel determinare gli stati più intimi del carattere e nell’influenzarli, agendo sulla mente e sulle emozioni.

 

Pietro Columba – Università degli Studi di Palermo Dipartimento Scienze Agrarie e Forestali Ha sottolineato la necessità di sostenere in modello di crescita basato sull’equilibrio fra uomo e ambiente che utilizzi le risorse scientifiche e tecnologiche non trascurando le identità territoriali.

Il professore ha posto l’accento sulla formazione dei giovani e sulla valorizzazione dei percorsi formativi degli Istituti alberghieri.

 

Angelo La Pillo funzionario del Dipartimento Pesca Mediterranea della Regione Siciliana portando i saluti del Dirigente generale ha parlato dell’impegno della Regione Siciliana nell’attuazione di misure a protezione delle filiere agroalimentari, soffermandosi sul settore ittico e sulle nuove strategie di Crescita Blu applicate dal Dipartimento con il FEAMP

 

Concetta Bruno – Presidente ComeUnaMarea, ha infine chiuso i lavori di Cerealia anticipando alcuni temi, che saranno protagonisti dell’edizione del 2019.

 

Con convegno il “GASTROSOFIA E IDENTITÀ MEDITERRANEE”, ComeUnaMarea Onlus ha raggiunto l’obiettivo che il programma delle iniziative siciliane di Cerealia 2018 si era posto: mettere in risalto la capacità del settore alimentare siciliano di interagire con una visione sostenibile del territorio in cui al cibo vengono associati temi quali protezione dell’ambiente, valorizzazione di identità locali, economia sostenibile ed innovazione dei sistemi produttivi.

ti potrebbe piacere anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *